Servizio di picchetto penale

Con l’entrata in vigore il 1° gennaio 2011 del Codice di diritto processuale penale svizzero (CPP) sin dal primo interrogatorio di Polizia l’imputato ha diritto di designare un difensore o di chiedere che gli venga nominato un difensore d’ufficio e il difensore ha al diritto di presenziare agli interrogatori dell’imputato da parte della Polizia e di porre domande all’imputato (“Avvocato della prima ora “).

 

OATI è il garante di questi fondamentali diritti e li tutela predisponendo il Servizio di Picchetto penale. Le Autorità di nomina hanno quindi ha disposizione una lista settimanale di 7 avvocati OATI e di 7 praticanti pronti ad intervenire in ogni momento, anche di notte e i giorni festivi, a favore di ogni imputato.

 

Il Servizio è disciplinato dal regolamento adottato da OATI, dal Ministero pubblico, dal Giudice dei Minorenni e dal Consiglio di Stato qui allegato unitamente al vademecum che illustra le modalità d’intervento degli avvocati chiamati al servizio. Questi ultimi, obbligatoriamente, alla fine del periodo di servizio devono ritornare il modulo di rendiconto pure qui annesso.